Martedì, 13 Dicembre 2016 11:28

Formaggi con miele, confetture e marmellate serviti nei nostri Finger Food!

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Natale e Capodanno sono ormai alle porte.

In questi giorni non si fa altro che progettare i menù di pranzi e cenoni, ma anche di più informali aperitivi e buffet per il doveroso scambio di auguri con amici e colleghi.

Da un paio di anni si parla sempre più spesso di formaggi abbinati a confetture e marmellate.

Il motivo è prettamente chimico:

i formaggi sono cibi praticamente privi di zuccheri che trovano nelle marmellate e nelle confetture il loro alimento complementare, creando equilibrio nel gusto al palato.

Per un ricco antipasto o uno scenografico aperitivo gourmet, vi proponiamo di presentare in tavola un tripudio dei nostri finger food in ognuno dei quali servire differenti accoppiate di formaggi e marmellate/miele.

Per rinfrescarvi la memoria, anzitutto, vi elenchiamo i prodotti a vostra disposizione che, come ben sapete, sono realizzati con materie di prima scelta che fondono i sapori genuini della tradizione a forme moderne ed accattivanti. Dai capienti Vol-au-vent rettangolari ai trendissimi Pan Cestini Mini; dal praticissimo Pan Tramezzino pre-tagliato agli intriganti Cucchiaini e Tartellette in pasta brisè; fino alle più tradizionali Bruschette Mini e Bocconcini di Piadine Mini.

Ecco qui ora un vademecum per scegliere l’abbinamento più consono evitando così brutte figure con i vostri ospiti.

Occorre anzitutto realizzare l’abbinamento considerando il tipo di latte usato per il formaggio (vaccino, caprino, di pecora…) e poi la consistenza della pasta (morbido, stagionato, duro, semiduro…). Tendenzialmente, più il formaggio è molle e dolce e più si andrà a sposare con gusti di confetture e marmellate tendenti all’acidulo. Di contro, più il formaggio è dal gusto deciso, forte e stagionato, più la controparte da abbinare dovrà tendere al dolce.

Oltre a mieli e marmellate, potete provare anche con salsine sfiziose, come mostarda con pepe nero in grano per formaggi morbidi, oppure una vinaigrette di olio di oliva ed erbe per formaggi tipo Fontina o per quelli di capra. Un’alternativa interessante è la frutta fresca di stagione (uva, pere, pesche, kiwi) per i formaggi morbidi; frutta secca (mandorle, noci, pistacchi, castagne) per quelli duri. Volendo, si può proporre anche il sedano (magari con noci sgusciate), soprattutto per i formaggi erborinati.

Una volta scelti i Finger Food cui siete più affezionati, per gusto e forma, scatenate la fantasia farcendoli con gli abbinamenti che più vi ingolosiscono o, semplicemente, incuriosiscono.

Lascerete gli ospiti esterefatti per l’esplosione di sapori con cui li delizierete e per la raffinatezza della scenografica presentazione!

 

Vi elenchiamo ora una serie di accoppiate

MIELI

  • Miele di Eucalipto: con formaggi saporiti, ad esempio il Gruyère
  • Miele d’Arancio: ideale con formaggi piccanti o stagionati
  • Miele di Castagno: con formaggi a media stagionatura, tipo la Caciotta Toscana, un caprino dal sapore deciso, o il prezioso Castelmagno
  • Miele di Acacia: con un formaggio erborinato come il Gorgonzola o con un pecorino stagionato
  • Miele di Montagna: con il Grana

CONFETTURE E MARMELLATE

  • Confettura di Lamponi: formaggi di capra, Robiola
  • Confettura di Mele: erborinati
  • Confettura di Albicocche: Pecorino Sardo, Roquefort, Formaggio di Fossa, Gorgonzola
  • Confettura di Fragole: Asiago, Robiola d’Alba
  • Confettura di pere: Gorgonzola o Roquefort, Parmigiano Reggiano, Pecorino di Pienza stagionato
  • Marmellata di Arance: formaggi freschi a pasta molle (Ricotta, Camembert, Mascarpone)
  • Marmellata di Mandarini: formaggi freschi (Robiola di Mondovì, di Roccaverano, di Murazzano)
  • Marmellata Limoni: ricotta, Burrata, robiole fresche, Mascarpone
  • Confettura di Pesche: formaggi piccanti ed erborinati
  • Confettura di Prugne: Robiola, Camembert, Taleggio, Fontina
  • Confettura di Frutti di Bosco: ricotta

MOSTARDE

  • Mostarda di Pomodori Verdi: Caprini freschi, Bra, Fontina, Raschera, Taleggio, Provolone
  • Mostarda d’Uva: Robiola, Castelmagno
  • Mostarda di Peperoni: formaggi di pecora o erborinati

 

CONSIGLI PER UNA DEGUSTAZIONE OTTIMALE

 

  1. Servite i formaggi a temperatura ambiente (tirateli fuori dal frigo un paio d’ore prima di servirli.
  2. Ogni formaggio preferisce un tipo di taglio diverso, per conservare il sapore, ma anche la forma e la presenza. Ad esempio: i formaggi tipo Fontina vanno tagliati in pezzi triangolari; il Parmigiano Reggiano si taglia a scaglie; il formaggio di pecora e il formaggio di capra si affettano.

 

Letto 1106 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Dicembre 2016 20:38