Venerdì, 17 Febbraio 2017 11:23

Paese che vai… Dolce di Carnevale che trovi!

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Continuiamo a curiosare nel resto del mondo… E andiamo a vedere con cosa ci si delizia il palato durante il Carnevale fuori dal nostro Paese!

in Sudamerica, a ritmo di samba, si gustano

i PAPOS DE ANJO, deliziosi dolcetti a base di mandorle e ricoperti da sciroppo di zucchero. Pare che l’origine di questa prelibata ricetta provenga dal Portogallo: secondo la leggenda, infatti, i Papos de Anjo, letteralmente “pancine degli Angeli” sarebbero nati dalle mani di alcune suore di clausura portoghesi tra il XIII e il XIV secolo.

Nei Paesi Scandinavi - in particolare in Svezia - il Martedì Grasso è tradizione gustarsi i SEMLA: golosi bignè di grano, farciti con una crema di latte e mandorle, e ricoperti da panna montata.

Un tripudio di colori investe il Carnevale di New Orleans dove, per tradizione, viene preparate la KING CAKE, un ciambellone di pane, intrecciato e ricoperto da una glassa coloratissima, viola, verde, oro.

Spostandoci in Medioriente, e più precisamente sull’Isola di Cipro, i dolci tipici del Carnevale sono i BOUREKIA: tortelli di pasta fritta, ripieni di formaggio fresco.

In Belgio, gli SMOUTEBOLLEN sono un tipico dolce street-food da gustare durante il pre-quaresima. Si tratta di bignè di mele fritti nello strutto e spolverati con zucchero a velo.

In Germania la fanno semplice gustando i BERLINER: semplici krapfen ripieni di marmellata.

Una vicenda curiosa ruota attorno ai PANCAKES, le buonissime frittelle di origine anglosassone. Negli States, infatti, di Martedì Grasso viene celebrato il Pancakes Day, una giornata in cui le famiglie si sfidano, armati di padelle e frittelle fredde: uno dei componenti della famiglia deve correre lungo un tragitto con una padella contenente un pancake freddo. Vince il primo che riesce ad arrivare al traguardo dopo aver fatto girare la frittella almeno tre volte, durante il tragitto.

Insomma, ovunque si vada, il Carnevale è il periodo degli eccessi, al fine di prepararsi -senza troppi rimpianti - al periodo ben più morigerato della Quaresima.



Letto 481 volte