Venerdì, 24 Febbraio 2017 11:27

Chiacchiere o Cenci, che dir si voglia, son sempre fragranti Tentazioni tutte da gustare!

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Siamo ormai nel pieno dei festeggiamenti del Carnevale e, come già detto, si tratta di una festa che, dal punto di vista culinario, è ricchissima soprattutto sul versante dolci.

In Italia, in modo particolare, esiste una vasta gamma di dolci preparati artigianalmente che accompagnano le sfilate di carri e di maschere, con una diversificazione - a seconda dei luoghi - dei dolci tipici e dei nomi a loro attribuiti.

Un classico di questo periodo sono le famosissime Chiacchiere,

il dolce di Carnevale più popolare in tutta la penisola, che viene preparato dalle Alpi fino a Lampedusa!

Si tratta di croccanti e delicate sfoglie molto friabili, ottenute tirando sottilmente un semplice impasto successivamente fritto - ed eventualmente poi passato al forno - e cosparso di zucchero a velo per il tocco finale. La loro forma rettangolare, con due tagli netti centrali, rende le chiacchiere inconfondibili e attira immediatamente, da tempo immemore, la golosità di grandi e piccini.

La loro presenza nelle vetrine rende l’aria  immediatamente frizzante e allegra, ricordando a tutti l’avvicinarsi delle feste!

Tipiche del periodo di Carnevale, queste golosità sono diffuse ovunque, ma vengono chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza: chiacchiere e lattughe in Lombardia, cenci e donzelle in Toscana, frappe e sfrappole in Emilia, cròstoli in Trentino, galani e gale in Veneto, bugie in Piemonte, così come rosoni, lasagne, pampuglie, ecc..

Si tratta di un dolce che ha origine nella Roma antica e, in seguito, si è diffuso in tutto il mondo in diverse varianti; un’altra ipotesi vuole che le chiacchiere siano napoletane ed il loro nome derivi dalla regina Savoia che volle chiacchierare ma - ad un certo punto - gli venne fame e chiamò il cuoco Raffaele Esposito per farsi fare un dolce che lui chiamò, appunto, le chiacchiere.

Nella nostra gamma produttiva, questo prodotto è stato denominato Tentazioni.

Le nostre Tentazioni sono prodotti come “fatti in casa”, le ricette della tradizione sono semplici, con pochi selezionatissimi ingredienti di prima qualità e senza conservanti.

La sfoglia sottilissima viene tirata a mano, la frittura avviene in pochissimi secondi con olio di girasole alto oleico, molto più ricco di acido oleico (circa l’82% in più). Non utilizziamo olio di palma. Ed, infine, il confezionamento è completamente realizzato a mano.

Nel segno della tradizione, noi di Stagnati proponiamo questo grande classico nella duplice versione regionale: le Chiacchiere a Milano e i Cenci a Firenze!

Curiosi? Non vi resta altro da fare che scoprire l’esplosione di gusto delle nostre Tentazioni scegliendo tra la versione meneghina e quella toscana.

Ogni morso sarà una magia: ed è subito Carnevale!

 

Letto 230 volte